News
comunicazioni, Senza categoria - 27 Settembre 2021

PAC 2023-2027 SCHEDA 1 – CONSIDERAZIONI GENERALI

Si delinea il percorso che, dal prossimo anno, vedrà un sostanziale rinnovo degli impegni che gli agricoltori dovranno assumere per poter ottenere gli aiuti della PAC.

Entro il prossimo 30 novembre verranno emanati i nuovi regolamenti (saranno 3 anziché 4). Entro il prossimo 31 dicembre 2021 gli stati membri dovranno presentare le norme di competenza nazionale (Piani Strategici Nazionali) che verranno approvati entro il 30 giugno 2022.

La nuova Politica Agricola Comunitaria entrerà in vigore dal 1 gennaio 2023.

Gli obiettivi, tra l’altro, prevedono in sintesi:
Bilanciare la catena del valore a favore degli agricoltori e migliorare l’alimentazione e la salute dei cittadini europei.

Gli strumenti rimarranno 3:
Pagamenti diretti (51% delle risorse);
Sviluppo Rurale (43% delle risorse);
Misure di Mercato (6% delle risorse).

La nuova PAC è organizzata per procedere alla valutazione degli obiettivi raggiunti (performance) rispetto al passato che basava le valutazioni sul rispetto delle norme.

I pagamenti diretti prevedono:

  1. Sostegno al reddito di base;
  2. Sostegno redistributivo del reddito;
  3. Sostegno ai giovani agricoltori (anche se si sta pensando di spostarlo tutto sul PSR);
  4. Ecoschemi (Regimi per il clima e l’ambiente);
  5. Pagamenti accoppiati;
  6. Piccoli agricoltori (da confermare).

Nelle prossime schede approfondiremo i singoli argomenti

Lorenzo Benanti